Successo della manifestazione in difesa dell’ospedale. Basta chiacchiere, ora fatti concreti.

Comunicato del coordinamento ‘La sinistra per Todi’

Il successo della manifestazione di domenica 6 giugno in difesa dell’ospedale della Media Valle del Tevere testimonia la crescita della consapevolezza di tutte e di tutti in merito al rischio di uno smantellamento dei servizi sanitari pubblici territoriali.

La giunta regionale a trazione leghista e la totale sudditanza di alcune delle amministrazioni locali, a cominciare da quella tuderte, hanno già privato per un anno e mezzo i tuderti di un ospedale funzionante e di un pronto soccorso attivo, creando gravi disagi a tutti gli utenti costretti a percorrere anche centinaia di chilometri per un semplice esame. Per amore di verità va sottolineato l’impegno degli operatori del 118 che hanno in maniera encomiabile cercato di sopperire alle disastrose scelte politiche della giunta Tesei e dei suoi “ascari”, ma era ingiustificabile allora, come lo è oggi, pensare di lasciare un intero territorio privo di un servizio essenziale per la salute dei cittadini quale è il Pronto Soccorso H24

A questa situazione si aggiungono un comunicato della Usl n. 1 (sorvoliamo sulla tempistica di pubblicazione dopo mesi di silenzio) che ancora non garantisce il pieno ripristino dei servizi pre – Covid e un esilarante intervento della consigliera regionale leghista tuderte che si spertica con mirabolanti promesse di potenziamento a fronte di un ritorno ad una normalità che ancora tarda ad arrivare.

Non possiamo più fidarci, abituati ormai alle settimanali conferenze stampa del sindaco Ruggiano durante le quali viene affermato tutto e il contrario di tutto. Vogliamo atti e fatti concreti non le solite chiacchiere più consone agli avventori di un bar qualunque che a rappresentanti istituzionali.

La Sinistra per Todi vigilerà insieme alle cittadine e ai cittadini, alle forze politiche e sociali, ai sindacati, agli operatori affinché nel nosocomio di Pantalla vengano al più presto ripristinati tutti i servizi e le funzionalità che, con l’alibi del Covid, sono state soppresse o spostate in altri ospedali.

La manifestazione del 6 giugno non è un punto di arrivo ma deve diventare un punto di partenza per la difesa dei servizi sanitari della Media Valle del Tevere e dell’intera sanità pubblica regionale.

Todi 7 giugno 2021

Il coordinamento de La Sinistra per Todi

Il M5S di Todi plaude alla manifestazione in difesa dell’ospedale.

Unica grande nota dolente….l’assenza e il mutismo dell’intera amministrazione comunale tuderte

Il MoVimento Tuderti 5 Stelle plaude alla ottima riuscita della mobilitazione in difesa dell’ospedale della Media Valle del Tevere di Pantalla che si è tenuta questa mattina presso lo stesso. Il MoVimento Tuderti 5 Stelle ha da subito condiviso questa iniziativa con le altre realtà politiche, sociali e sindacali del comprensorio assicurando la  partecipazione di un gruppo di propri attivisti con l’organizer Domingo Valentini, della nostra senatrice Emma Pavanelli e del nostro consigliere regionale Thomas De Luca. Il MoVimento Tuderti 5 Stelle è fiducioso che l’iniziativa possa portare l’amministrazione regionale a dare il giusto peso alle nostre legittime richieste accogliendole quanto prima e garantendo la loro puntuale attuazione. Unica grande nota dolente….l’assenza e il mutismo dell’intera amministrazione comunale tuderte, ma d’altronde il servilismo e l’appiattimento alle volontà regionali è sempre più evidente.
MoVimento Tuderti 5 Stelle 

Liv Ferracchiati, attore e regista di fama nazionale, nel cartellone del Festival dei Due Mondi

Spoleto Festival dei Due Mondi

LIV FERRACCHIATI

La tragedia è finita, Platonov

Auditorium della Stella, dal 9 all’11 luglio.

La tragedia è finita, Platonov è l’ultimo lavoro firmato dal regista umbro Liv Ferracchiati, premiato con una menzione speciale alla Biennale Teatro 2020. Dopo Trilogia sull’identità, Ferracchiati si è imposto nel panorama della nuova drammaturgia. Con Platonov di Čechov si confronta in modo diretto, convincente e toccante, con il protagonista di un testo classico. La sua visione contemporaena del ruolo dei personaggi è anche un’interrogazione sul ruolo dei testi classici nel teatro di oggi.
«Platonov, inteso come testo drammaturgico, sempre e solo letto, mai pensato da rappresentarsi, per me è stato un incontro.» – afferma Ferracchiati – «Trovavo rifugio nell’inazione di Platonov, nella sua paralisi tra attrazione e repulsione, tra paura e eccitazione, nel suo non agire e nel suo sottrarsi. Nel non scegliere tra le quattro donne che gli si offrono, come se ognuna potesse dare una soluzione alla sua esistenza. Non sceglie perché, alla fine, non si può. Come si può scegliere solo una possibilità?». Nello spettacolo Ferracchiati è anche interprete come Lettore del testo, in un dialogo ironico e illuminante tra se stesso e l’autore russo che fa da contrappunto a quanto accade in scena.

DOPO IL SUCCESSO DELLA MANIFESTAZIONE RADDOPPIARE IL LAVORO PER DIFENDERE L’OSPEDALE DI PANTALLA

Il commento del Partito Democratico

Come Partito Democratico di Todi abbiamo partecipato con una nutrita delegazione alla manifestazione di questa mattina tenutasi per difendere l’Ospedale di Pantalla e chiedere il ripristino integrale di tutti i servizi pre Covid. Centinaia e centinaia i cittadini presenti: una pagina di buona politica trasversale ed apartitica per difendere la sanità pubblica territoriale di una comunità, quella della Media Valle del Tevere, che da un anno è stata privata del proprio presidio ospedaliero. Un grazie di cuore ai comitati che hanno organizzato la manifestazione e a tutte le forze politiche, civiche e sindacali che hanno aderito. Un plauso va in particolare alle istituzioni locali presenti questa mattina, cioè ai sindaci Federici (Massa Martana), Marinelli (San Venanzo), Coata (Fratta Todina) e Brugnossi (Monte Castello di Vibio).Ora, però, comincia il vero lavoro: vigilare sulle riaperture promesse. Noi vogliamo una REALE RIATTIVAZIONE dell’Ospedale di Pantalla, con date e risorse stanziate ben precise. Siamo stufi delle mistificazioni, delle false promesse e delle prese in giro del sindaco Ruggiano e della consigliera Peppucci, la cui propaganda viene sempre smentita puntualmente dalla realtà.Il sindaco ha parlato di una manifestazione “arrivata in ritardo”. No, caro primo cittadino aspirante pontefice, qui le uniche cose in ritardo sono le sue scuse per aver detto che il Pronto Soccorso era aperto quando, invece, si trovava letteralmente sbarrato. Hanno dovuto scriverlo a caratteri cubitali per farlo capire alle persone sulla vetrata d’ingresso dell’Ospedale!La consigliera Peppucci, invece, tentando di menare il can per l’aia e parlando a vanvera come spesso le succede, si è buttata lancia in resta sull’integrazione dei servizi ospedalieri del presidio della Media Valle del Tevere con quelli dell’AOSP di Perugia, spacciandola come propria proposta fin’ora mai avanzata. Senza sapere, però, che il Piano sanitario regionale umbro ha previsto ciò fin dal 2009 (cfr. Piano Sanitario dell’Umbria 2009-2011, vol. III, pp. 161 ss.). Ruggiano e Peppucci, le persone sbagliate nel posto sbagliato al momento sbagliato!
PARTITO DEMOCRATICO TODI

TESTAMENTO BIOLOGICO: PIENA LIBERTÀ SOLO SE C’È ADEGUATA CONOSCENZA

Garantire la piena conoscenza e consapevolezza sul Testamento biologico. Le richieste di Todi Civica

Todi Civica, attraverso un ordine del giorno depositato dal consigliere Floriano Pizzichini, chiede che il consiglio Comunale di Todi impegni la Giunta e gli uffici preposti a realizzare una apposita pagina sul sito del Comune di Todi, attraverso la quale far conoscere la Legge sul Testamento biologico, fornendo ogni utile informazione al cittadino che volesse predisporre la propria DAT ( DISPOSIZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO) .
La Legge n. 219 del 22 dicembre 2017, comunemente nota come legge sul testamento biologico, ha introdotto nell’ordinamento italiano “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate sul trattamento”. Un tema certamente delicato e complesso da affrontare, rispetto al quale evitiamo valutazioni di merito. Ma proprio in ragione di ciò,  riteniamo,  che nel rispetto delle diverse sensibilità, idee politiche e credi religiosi,  ogni cittadino, solo se consapevole ed adeguatamente  informato, possa decidere in piena libertà e coscienza, secondo la propria volontà.
La legge stabilisce che una persona maggiorenne, capace di intendere e di volere, dopo aver acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte, possa esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici, scelte terapeutiche e singoli trattamenti sanitari, incluse la nutrizione e l’idratazione artificiale, nel caso in cui dovesse trovarsi in stato d’incapacità.
Il recente Decreto n. 168 del 10 dicembre 2019, disciplina inoltre  le modalità di registrazione delle DAT nella Banca dati nazionale.
Da un recente sondaggio emerge che la conoscenza degli italiani della normativa è ancora piuttosto superficiale, solo il 19% infatti dichiara di essere ben informato mentre il 28% non ne ha mai sentito parlare.
Tra quanti conoscono la legge e non hanno sottoscritto le Dat si dichiarano convinti il 51,4%, contrari il 27,4% e indecisi poco informati il 21,3%.
Crediamo utile e corretto, pertanto, che tale disposizione sia adeguatamente inserita sul sito comunale.

Todi Civica

Riapre l’Ospedale della Media Valle del Tevere. Dal 7 giugno il Pronto Soccorso

Comunicato dell’Amministrazione Comunale

L’Ospedale Media Valle del Tevere di Pantalla torna ad operare nella pienezza delle sue funzioni. Dopo un lungo periodo nel quale, nelle more della contingenza pandemica, è stato individuato dalla Regione Umbria come ospedale Covid, con la conseguente sospensione di molti dei servizi assistenziali offerti alla cittadinanza, per il nosocomio è previsto una graduale – ma già calendarizzata – riapertura dei medesimi.

La conferma è giunta mercoledì 2 giugno, quando presso la sede dell’Ospedale si è svolta una cerimonia per celebrare i dieci anni della struttura e per onorare il lavoro straordinario ed instancabile del personale sanitario durante l’emergenza della pandemia. I Sindaci della Media Valle del Tevere hanno offerto una targa commemorativa che sarà affissa all’ingresso della struttura.

Dopo i saluti e la presentazione del Sindaco di Todi Antonino Ruggiano, sono intervenute la Dottoressa Teresa Tedesco, dirigente ASL, e il consigliere regionale Eleonora Pace, presidente della commissione “Sanità e Servizi sociali”. Dalle parole di quest’ultima sono giunte le conferme a un piano che del resto era già nell’aria: “da lunedì prossimo – 7 giugno – inizierà la riapertura di questo presidio”. Le prime tappe sono state chiarite dalla dottoressa Tedesco: “A fine maggio sono già stati riattivati i servizi di Oculistica e di Chirurgia ambulatoriale. Il 7 riaprirà il Pronto Soccorso, a seguire toccherà a Chirurgia, e il 14 giugno torneranno attive le sale operatorie, con la possibilità dei ricoveri”.

“Grande soddisfazione da parte di tutta la città”, ha commentato il Sindaco Ruggiano. “Siamo ad un passo dal riottenere l’ospedale così come era prima della destinazione a presidio Covid. In linea generale, tuttavia, dovremo adesso lavorare, insieme a tutta la Media Valle del Tevere, per far si che nel nuovo piano sanitario regionale il nostro Ospedale cresca e acquisisca nuove professionalità e mezzi, al fine di farne un fiore all’occhiello per tutta la Regione”.

                                                            Amministrazione Comunale di Todi

Attivita’ della Biblioteca

“un arco in un baleno”

OSPEDALE PANTALLA: CHI FESTEGGIA LASCIA I CITTADINI SOLI

You is tenuta ieri the celebrazione of the dieci anni of the start of the attività of the Hospital of Media Valle del Tevere. Presenti, questa volta, tutti gli otto sindaci del nostro comprensorio, al contrario di quando c’è da chiedere la riattivazione dei servizi (cosa per cui il sindaco Ruggiano non si spende, chissà come mai).

Nonostante la sua presenza sia stata annunciata con le solite trombe di regime, che non ha mandato nessun assessore a sostituirla, ma il presidente della Terza commissione consiliare Pace.

Quasi del tutto assenti gli operatori sanitari, col personale infermieristico e oss che ha disertato questa surreale cerimonia funebre a causa della manca corresponsione, da un anno e mezzo, dell’indennità Covid.

Una manifestazione convocata davanti ad un ospedale chiuso, di cui non si conosce con certezza il cronoprogramma delle riaperture di reparti e servizi, mentre le altre strutture stanno riprendendo le attività ordinarie (compreso Spoleto, altra struttura convertita ad uso Covid),

Il sindaco di Todi, in circa un quarto d’ora di intervento verboso e prolisso dedicato a ringraziamenti urbi et orbi, non ha detto una parola che un futuro del nostro ospedale. Nulla che possa far intravedere il ritorno alla normalità di una struttura sanitaria di base a servizio di circa sessantamila abitanti. Uomini che meno di un suo possibile potenziamento.

Alla dottoressa Teresa Tedesco, intervenuta in rappresentanza dell’Usl Umbria 1, è toccato il compito di un intervento prudente in cui ha annunciato quel che già si sa e che ci allarma: la graduale riapertura dei servizi al momento prevede solo la riattivazione del Pronto Soccorso (di cui non si conosce l’effettiva operatività), della chirurgia ambulatoriale e degli altri ambulatori chiusi. Nulla è stato detto su Punto Nascita, Chirurgia Generale, RSA. Niente su terapia intensiva o altro tipo di potenziamento.

Fin qui la cronaca di un appuntamento dedicato all’inutile retorica, ma, a nostro giudizio, anche un evento che conferma l’inettitudine della giunta guidata da Ruggiano. Giunta che, in un anno e mezzo, ha accettato supinamente ogni iniziativa della regione tesa a ridurre il ruolo e la funzione dell’ospedale della MVT a favore di altre strutture della rete ospedaliera umbra, privandolo di strumentazioni e personale sanitario, disattivando cinque sale operatorie di nuova generazione e chiudendo il punto nascita. 

The vuota retorica of Ruggiano, accompagnata dalle parole degli imbarazzanti leghisti nostrani Ruspolini e Peppucci (in cerca di ruolo nella Lega umbra mediante protezioni lacustri), lascia soli i cittadini che rivendicano garanzie per il futuro dell’ospedale, oggi a tinte fosche. Sappiamo, infatti, che non è stato ancora individuato il personale per la riapertura h24 della chirurgia e che si sta lavorando per trovare chirurghi in convenzione con l’azienda ospedaliera. The significa perdita of autonomia of the unit operativa and piccoli interventi programmati, niente urgenze e niente apertura h24 su 7 giorni. Sappiamo che non ci sono anestesisti a sufficienza per garantire l’operatività né del Pronto Soccorso né, meno tanto, del Punto Nascita.

Nessuna delle questioni aperte sul futuro del nostro Ospedale è stata affrontata ieri, non ci resta che continuare la nostra battaglia di rivendicazione a tutela del futuro dei servizi sanitari della MVT e, per questo, saremo a fianco del comitato dei cittadini (ieri neanche invitato all’iniziativa) e delle associazioni che stanno organizzando la manifestazione di domenica 6 giugno

Noi ci saremo. Ruggiano temiamo di no, essendo troppo preso dai proclami a vuoto e dai post pieni di punti di sospensione. Caro sindaco, il personale sanitario non ha bisogno della sua roboante retorica, ma della gratificazione economica che la Giunta regionale, da lei tanto spalleggiata, non è in grado di garantire.

PARTITO DEMOCRATICO TODI–

L SINDACO RUGGIANO, NOVELLO PONZIO PILATO SUCCUBE DELLA REGIONE

Dopo l’annuncio della falsa riapertura del Pronto Soccorso di Pantalla, pensavamo che il sindaco Ruggiano avesse esaurito la figuracce sul futuro dell’Ospedale della Media Valle del Tevere.Non pago, invece, e senza nemmeno aver chiesto scusa per il terribile scivolone, il nostro primo cittadino ha pensato bene di rincarare la dose non firmando (assieme alla sindaca di Collazzone e a quello di Deruta) il documento bipartisan che i sindaci di San Venanzo, Fratta Todina, Monte Castello di Vibio, Massa Martana e Marsciano hanno sottoscritto e inviato al presidente della Regione Umbria , Donatella Tesei per chiedere la rapida riattivazione dei servizi dell’Ospedale di Pantalla (nel suo favoloso mondo già riattivati).Una spaccatura, quella tra i sindaci dei comuni capofila della Media Valle del Tevere, che si trasforma in una questione politica, visto che Mele e Ruggiano fanno parte della stessa coalizione. Come mai il primo cittadino di Todi è così restio a prendere posizione in difesa dell’Ospedale di Pantalla, al contrario della collega marscianese? Che partita politica si sta giocando sul futuro del nostro nosocomio? Non vorremmo, infatti, che siano in ballo interessi, ambizioni e questioni che nulla hanno a che fare con diritto alla salute di sessantamila persone.Certo è che, in questo anno dove l’Ospedale di Pantalla è stato convertito a presidio Covid, il sindaco Ruggiano non si è mai speso in sua difesa ed è apparso regolarmente spiaggiato sulle posizioni della Giunta Regionale. Non l’unione del coraggio del sindaco di Spoleto, che per difendere l’ospedale cittadino si è visto in avanti dalla propria maggioranza, ma almeno un po’ di schiena dritta sì.Purtroppo, rimettere in funzione l’Ospedale come era nella situazione pre Covid non è così semplice. Soprattutto, al netto delle rassicurazioni e della propaganda, nubi grigie si addensano sul futuro del nostro ospedale, che rischia di pagare a caro prezzo la scelta politica, portata avanti dalla Giunta Tesei, di indebolire la sanità territoriale pubblica.Hai voglia a fare manifestazioni spot – quasi un dispetto verso quella del 6 giugno – per celebrare i dieci anni dell’Ospedale quando questo è sostanzialmente chiuso (che paradosso: forse era meglio una cerimonia funebre!). Hai voglia a delegittimare il lavoro dei comitati che osano garbatamente criticarla per le sue pessime scelte amministrative. Hai voglia a spacciare cose non vere sull’apertura dei servizi senza nemmeno chiedere.Noi, caro sindaco, sull’Ospedale di Pantalla la conosciamo bene. Lei è un novello Ponzio Pilato, succube della Regione.
PARTITO DEMOCRATICO TODI

La manifestazione per l’Ospedale: le richieste del comitato.

La manifestazione del 06 giugno 2021 promossa dai “Comitati di cittadini in difesa dell’Ospedale della Media Valle Tevere”, intende rivendicare il diritto al rispetto di chi ha subito gravi disagi dalla chiusura del nosocomio. Per più di un anno, 55 mila cittadini della MVT hanno dovuto rinunciare alla loro unica struttura sanitaria di territorio, la restituzione e il ripristino dei servizi con un minimo di miglioramento rispetto alla situazione pre-Covid 19, è un atto dovuto da parte della Regione Umbria.

Il ripristino e il miglioramento della struttura a come era ante Covid 19 è condizione irrinunciabile!

Questo è ciò che RIVOGLIAMO!

L’Ospedale MVT dotato di:

  1. Pronto Soccorso e accettazione (con possibilità di ricovero per urgenze chirurgiche, tranne i politraumatizzati, e mediche).
  2. Chirurgia generale attiva H24, 7 giorni su 7, con guardia notturna in presenza chirurgica e anestesiologica, con 28 posti letto, + 9 nella connessa Day Surgery multidisciplinare (che ospitava le prestazioni di ben 9 équipés).
  3. Blocco Operatorio di concezione avanzatissima con personale infermieristico autonomo e Struttura di Anestesia, 5 sale operatorie ultramoderne di cui una dedicata all’urgenza ostetrica (collegate tra l’altro col maxischermo della sala congressi x 200 persone, con possibilità di seguire in diretta gli interventi chirurgici, e dove si sono tenuti numerosi congressi di valenza nazionale).
  4. Ostetricia e ginecologia, con sale parto e annesso servizio di neonatologia.
  5. Medicina generale con 24 posti letto.
  6. Laboratorio di analisi e di microbiologia (avanguardia in Umbria).
  7. Radiologia con macchinari di ultima generazione per TC e RM, ecografia multidisciplinare, radiologia ed epatologia interventistiche.
  8. Gastroenterologia ed endoscopia tradizionale e interventistica (in simbiosi con la Chirurgia).
  9. Dialisi e nefrologia.
  10. Servizio di Ortopedia protesica di anca e ginocchio.
  11. Oncologia medica.
  12. Servizio di Cardiologia.
  13. Servizio di chirurgia plastica.
  14. FKT e Riabilitazione
  15. Sub Intensiva
  16. 118 autonomo
  17. RSA

Alla manifestazione sono stati invitati tutti gli esponenti istituzionali ai vari livelli regionale e comunale ai quali si chiederà di sottoscrivere un documento d’impegni nel monitorare l’evoluzione e l’attuazione del Piano di riapertura di ogni singolo servizio e/o reparto come proposto dalla Regione Umbria.